Gli Adempimenti per la Costituzione

1. Atto costitutivo e Statuto
Il nuovo Codice Civile (art. 2551) arricchisce con poche ma rilevanti modifiche le indicazioni che devono essere contenute nell’atto costitutivo di una cooperativa.
La cooperativa si costituisce per atto pubblico.

 

L’atto costitutivo dovrà contenere:

 

• per ogni socio persona fisica: cognome, nome, data e luogo di nascita, domicilio, cittadinanza;
• per ogni socio persona giuridica: denominazione sociale, data di costituzione, sede legale;
• la denominazione ed il comune ove è posta la sede della società e le eventuali sedi secondarie;
• l’indicazione specifica dell’oggetto sociale con riferimento ai requisiti ed agli interessi dei soci;
• la quota di capitale sottoscritta da ciascun socio, i versamenti eseguiti ed il valore nominale delle azioni (ove previste);
• il valore dei beni conferiti in natura;
• i requisiti e le condizioni per l’ammissione dei soci;
• le condizioni per l’eventuale recesso o esclusione dei soci;
• le regole per la ripartizione degli utili e l’attribuzione dei ristorni;
• le forme di convocazione dell’assemblea;
• il sistema di amministrazione adottato;
• il numero degli amministratori ed i loro poteri, indicando quali hanno la legale rappresentanza;
• il numero dei componenti il collegio sindacale;
• la nomina dei primi amministratori e sindaci (ove previsti);
• l’importo globale delle spese per la costituzione.

 

Lo statuto, anche se forma oggetto di atto separato, si considera parte integrante dell’atto costitutivo. I rapporti tra la società ed i soci possono essere disciplinati da appositi regolamenti interni che, quando non fanno parte integrante dell’atto costitutivo, sono approvati dall’assemblea con le maggioranze previste per le assemblee straordinarie.

 

2. Iscrizione al Registro delle Imprese
Entro venti giorni dalla costituzione, l’atto costitutivo e lo statuto devono essere depositati presso la C.C.I.A.A. per l’iscrizione nel Registro delle imprese e al R.E.A.
A seguito dell’iscrizione, la società cooperativa acquisisce la personalità giuridica. Fino al momento dell’iscrizione nel Registro delle imprese, i soci che avessero operato sono illimitatamente e solidalmente responsabili verso terzi per le operazioni compiute in nome e per conto della società.

 

3. Presentazione all’Ufficio IVA
Sempre entro trenta giorni dalla costituzione, le società cooperative devono presentare la dichiarazione di inizio attività all’Ufficio IVA competente.
L’indicazione del numero di iscrizione della cooperativa nel Registro insieme al Codice Fiscale è obbligatoria sulla carta intestata, sugli atti, sui documenti e sulla corrispondenza della società.

 

4. Presentazione all’Ufficio delle Imposte Dirette
Entro tre mesi dalla data di iscrizione nel Registro delle imprese, le società cooperative devono trasmettere copia dell’atto costitutivo all’Ufficio delle Imposte Dirette competente, per l’accertamento.

 

5. Iscrizione all’Albo delle Cooperative
Il nuovo codice civile prevede l’istituzione da parte del Ministero delle attività produttive dell’Albo delle Cooperative presso il quale dovranno essere iscritte le cooperative a mutualità prevalente.

Le cooperative non a mutualità prevalente dovranno comunque iscriversi in una sessione separata.

Le relative disposizioni attuative sono state approvate con il Dm del 23 giugno 2004.
Il numero di Iscrizione all’Albo, tenuto presso le Camere di Commercio, deve essere indicato dalla cooperativa nei propri atti e nella corrispondenza.

L’Albo delle Cooperative sostituisce il Registro Prefettizio, presso il quale dovevano iscriversi le cooperative per usufruire dei benefici fiscali.


Legacoop