I Cantieri teatrali Koreja debuttano in Europa con la prima “La parola del padre”: un evento che dà lustro alla cooperativa leccese  sul panorama internazionale. Dalla Polonia alla Serbia, passando per  Romania, Svizzera, Croazia e Albani: un tour partito con successo fuori dai confini nazionale, con il lavoro di regia di Gabriele Vacis.                                                      Dopo le tappe del2011 in Iran, Bolivia, Turchia, Brasile, Slovenia, Serbia e Georgia, il tour estivo 2012 si presenta altrettanto ricco di opportunità con nuove tappe in Polonia, Serbia, Romania, Svizzera, Croazia e Albania a testimonianza di un progetto culturale sempre più a dimensione europea che vede i Cantieri Koreja  tra le poche realtà teatrali nazionali presenti  sullo scenario internazionale. Prima tappa domenica 8 luglio nell’ambito del Festival “Culture Bonds” di Stettino (Polonia), polo turistico e culturale con il più grande porto fra quelli polacchi che si affacciano sul mar Baltico. In scena, “La passione delle troiane”, Premio Speciale 2009 “Reward for Artistic Achievement”, Tivat-Montenegro. Lo spettacolo per la regia di Antonio Pizzicato e Salvatore Tramacere vede attori, musicisti e cantanti (alcuni tra i migliori dell’Orchestra della Notte della Taranta) protagonisti di una rappresentazione che si pone trail teatro e la musica, tra il concerto e lo spettacolo. Il Fortress Theatre Festival 2012 di Smederevo (Serbia), ospiterà, invece, sabato 14 luglio “Paladini di Francia”, vincitore del Premio Eolo come miglior spettacolo 2008 e premiato dall’Associazione Nazionale Critici di Teatro nel 2009. Lo spettacolo è una rilettura tragicomica dei paladini di Carlo Magno, dall’arrivo a corte della bella Angelica al massacro di Roncisvalle, in cui s’intrecciano bellezza, crudeltà, giochi di bambini, guerra, amore, destino e ricerca quotidiana della dignità di uomini-pupi. Martedì 24 luglio 2012 doppio appuntamento per “Giardini di Plastica” che sarà in scena a Ramnicu Valcea (Romania), nell’ambito del Festival Internazionale “Come to Valcea” e per “IANCU, un paese vuol dire” il lavoro di Fabrizio Saccomanno (scritto a quattro mani con Francesco Niccolini) e la regia diSalvatore Tramacere, che sarà in scena nel suggestivo Giardino del Teatro Paravento a Locarno (Svizzera). Il mese d’agosto è invece dedicato all’atteso debutto internazionale de “La parola padre”, l’ultimo lavoro della compagnia Koreja scritto e diretto da Gabriele Vacis nell’ambito del Progetto “Archeo.S”, finanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliero IPA Adriatico. Lead Beneficiary Teatro Pubblico Pugliese. Dopo il debutto nazionale del 6 luglio ad Ancona, lo spettacolo  sarà in scena giovedì 16 agosto 2012, a Pazin (Croazia) e martedì 28 agosto a Fier (Albania): in scena sei giovani attrici selezionate durante un giro di seminari nell’Europa centro orientale:. Sono tre italiane, una polacca, una bulgara e una macedone racconteranno le loro storie. Storie comuni, storie che provengono dal loro vissuto profondo.  ]]>